Roma Bella

Visite guidate a Roma e nel Lazio

APPUNTAMENTO: SABATO 7 NOVEMBRE 2020 H 16 IN PIAZZA DI PORTA SAN GIOVANNI DAVANTI ALL’INGRESSO DELLA CATTEDRALE DI SAN GIOVANNI. DURATA: 1 H E 30’. LA GUIDA E' RICONOSCIBILE IN LOCO DAL CARTELLO ROMA BELLA.

PRENOTAZIONE: OBBLIGATORIA VIA MAIL A: inforomabella@virgilio.it, o chiamando i n. tel. 0697858194; 0661661527, o compilando il form sotto.

Quando si arriva di fronte alla basilica di San Giovanni in Laterano, Cattedrale di Roma e Madre di tutte le chiese del mondo, in genere si è talmente attratti dalla magnificenza della facciata da trascurare di osservare l’edificio che si trova sulla destra, al di là della strada. Eppure questo edificio che scompare davanti alla bellezza della cattedrale, è il luogo della Cristianità più santo in assoluto: la chiesa di San Lorenzo in Palatio ad Sancta Sanctorum, più nota semplicemente come Sancta Sanctorum.

Si tratta di un vero e proprio scrigno di tesori artistici e reliquie importantissime, tra cui un frammento della tavola dell’Ultima Cena, ancora oggi visibile, e le teste dei Santi Pietro e Paolo, in seguito accolte nella vicina basilica e custodite in un reliquiario opera di Arnolfo di Cambio.

Ma la reliquia più sacra tra quelle custodite nel Sancta Sanctorum è l’Acheropita Lateranense: una immagine con il volto di Gesù la cui storia si perde nella notte dei tempi e sulla cui cronologia gli specialisti non sono ancora concordi. Per alcuni studiosi la datazione risalirebbe al V-VI secolo, per altri, viceversa, sarebbe un’icona bizantina un po’ più tarda, del VII secolo. Cronologia a parte, la reliquia è venerata dai pellegrini di tutto il mondo, e già nell’VIII secolo, come riferisce il Liber Pontificalis, era considerata il nuovo “palladio” di Roma dopo quello portato da Enea, cioè un oggetto miracoloso in grado di difendere la città da ogni pericolo.

La tradizione cristiana afferma che la Vergine Maria e gli apostoli, dopo la morte di Gesù, chiesero a San Luca di dipingere il volto di Cristo. L’evangelista acconsentì subito, ma prima di iniziare il lavoro trovò il ritratto già fatto, magnifico nella sua assoluta somiglianza con il volto di Gesù. Lo aveva realizzato un angelo, per questo l’immagine fu detta acheropita, dal greco: “non fatta da mano umana” (a-cheiro-poietòs).

Nel Medioevo l’Acheropita Lateranense veniva trasportata durante una processione da San Giovanni in Laterano a Santa Maria Maggiore, passando per il Foro romano.

San Lorenzo in Palatio era in origine la cappella privata papale, ed è l’unica porzione oggi rimanente dell’antico Patriarchìo, la residenza pontificia che alla fine del XVI secolo fu quasi completamente abbattuta per volontà di papa Sisto V.

L’antico palazzo lateranense infatti, durante il periodo di trasferimento della sede papale ad Avignone, era caduto in rovina. La condizione dell’edificio era tale che al ritorno dei papi a Roma nel 1377, si decise comunque di abbandonare il palazzo del Laterano per trasferirsi in una nuova sede, accanto alla basilica Vaticana.

Alla fine del 1500 l’architetto Domenico Fontana decise di distruggere ciò che restava dell’antico palazzo del Laterano, lasciando solo la Cappella di San Lorenzo.

La cappella risalente all’VIII secolo era stata ampliata da papa Niccolò III Orsini nel 1278, cambiando sensibilmente la struttura del piccolo edificio sacro. Vista l’importanza del luogo, Papa Niccolò III si affidò per le decorazioni agli artisti più in voga dell’epoca, impiegando pittori, mosaicisti, scalpellini e marmorari d’eccellenza tra cui soprattutto i Cosmati, i migliori marmorari dell’epoca. I Cosmati realizzarono delle decorazioni in marmo splendide, impiegando materiali d’importazione preziosi e rari come il porfido rosso, detto anche “marmo dei Faraoni”, dalle cave situate nel deserto egiziano. Altrettanto spettacolari erano gli affreschi, come quelli nelle vele tra i costoloni, con il c.d. Tetramorfo: il leone di San Marco, l’angelo di San Matteo, il toro di San Luca e l’aquila di San Giovanni, che simboleggia il particolare acume di quest’ultimo evangelista.

Gli affreschi dell'epoca di Niccolò III marcarono la rinascita del realismo in pittura dopo secoli dominati dall’influenza bizantina, caratterizzata dalla frontalità bidimensionale delle scene, dalla ieraticità delle figure su un omogeneo fondo oro.

Visitare il Sancta Sanctorum significa compiere un viaggio a ritroso in quello che di meglio ci ha lasciato il Medioevo a Roma, fra mosaici, marmi pregiati e affreschi di incomparabile bellezza.

Contattaci


Titolare, responsabile e incaricati del trattamento
Il titolare del trattamento di questo sito web è

Associazione Roma Bella
C.F. 90128950566

L’elenco aggiornato dei responsabili e degli incaricati al trattamento può essere richiesto direttamente al titolare.

Finalità del trattamento

I Tuoi dati personali sono trattati per le seguenti finalità:

Gestire e mantenere il sito web;
Adempiere agli obblighi precontrattuali, contrattuali e fiscali derivanti da rapporti in essere;
Adempiere agli obblighi previsti dalla legge, da un regolamento, dalla normativa comunitaria o da un ordine dell’Autorità;
Prevenire o scoprire attività fraudolente o abusi dannosi per il sito web;
Inviarti via mail informazioni su prodotti o servizi;
Raccogliere e processare gli ordini da te effettuati;
Permettere di registrarti al sito web;
Permetterti l’iscrizione al servizio di newsletter fornito dal Titolare e degli ulteriori Servizi eventualmente da Te richiesti;
Inviarti via e-mail newsletter, comunicazioni commerciali e/o materiale pubblicitario su prodotti o servizi offerti dal Titolare
Soft spam

Nel caso fossi già cliente potrai ricevere comunicazioni commerciali tramite e-mail relative a servizi e prodotti analoghi a quelli di cui hai già usufruito. Potrai in qualsiasi momento richiedere la rimozione da questo servizio contattando il Titolare o facendo click nell’apposito pulsante all’interno delle mail.

Categorie di dati personali trattati

Il Titolare per quanto concerne questo sito web tratta dati personali e identificativi tra cui:

Dati di fatturazione: intestazione attività, indirizzo completo, codice fiscale, partita IVA;
Dati di contatto: telefono e e-mail;
Dati di contatto facoltativi: nome, cognome, telefono mobile, numero di fax e posta elettronica certificata;
Destinatari e categorie di destinatari a cui i tuoi dati personali vengono comunicati

Il Titolare comunicherà i tuoi dati ai soggetti ai quali la comunicazione è obbligatoria per legge, come ad esempio soggetti che gestiscono i dati ai fini fiscali o organismi di vigilanza e autorità giudiziarie. I Tuoi dati non saranno diffusi a terzi.

Informiamo inoltre che i dati sono custoditi per nostro conto da soggetti terzi tramite servizi specifici che ci vengono forniti (database, fornitori di hosting, fornitori di servizi web, soggetti che gestiscono i nostri computer o i nostri software).

Modalità del trattamento

Il trattamento dei Tuoi dati personali è realizzato conformemente alla vigente norma. I Tuoi dati personali possono essere sottoposti a trattamento sia cartaceo che elettronico e saranno trattati in modo corretto, trasparente e con la massima tutela per le tue informazioni.

Non viene effettuata profilazione in grado di identificarti univocamente;
Nel sito web è presente lo strumento di statistica Google Analytics che viene utilizzato per conoscere dati dettagliati su quante persone visitano il sito web e quali pagine guardano, ecc. Questo strumento è stato impostato in modo che il tuo indirizzo IP sia anonimizzato. Da queste statistiche quindi non è possibile risalire a una specifica persona.
Diritti degli interessati

In qualità di interessato, hai i diritti di cui all’art. 7 Codice Privacy e art. 15 GDPR e precisamente:

Diritto di accesso. Hai il diritto di ottenere la conferma che sia in corso un trattamento, l’accesso ai dati che ti riguardano e tutte le informazioni sulle finalità, sugli eventuali destinatari a cui vengono comunicati i tuoi dati personali, sull’origine dei dati (nel caso non sia raccolti presso l’interessato), sulla durata del trattamento e sulle eventuali conseguenze di un trattamento basato sulla profilazione;
Diritto di rettifica: Hai il diritto di richiedere la rettifica, l’integrazione o modifica dei dati personali che ti riguardano;
Diritto alla cancellazione: Puoi ottenere la cancellazione dei tuoi dati personali se non sono pertinenti, inadeguati rispetto alle finalità del trattamento, se revochi il consenso oppure se i dati sono trattati in un modo illecito;
Diritto alla limitazione del trattamento: Hai il diritto ad ottenere che il trattamento sui tuoi dati sia limitato, ossia, che i tuoi dati personali siano contrassegnati con l’obiettivo di limitarne l’ulteriore trattamento (eccetto quello strettamente tecnico per la conservazione);
Diritto alla portabilità: Hai il diritto di ottenere i dati in formato elettronico e che questi siano trasferiti a un altro titolare del trattamento (per i dati trattati con mezzi automatizzati e laddove sia tecnicamente possibile);
Per esercitare questi diritti potrai contattare il Titolare del trattamento attraverso la pagina contatti.

Diritto di opposizione

Hai il diritto di opporti in qualsiasi momento per motivi connessi alla tua situazione al trattamento dei dati personali che ti riguardano.

Hai il diritto di proporre reclamo a un'autorità di controllo se ritieni che siano stati violati i tuoi diritti o che i tuoi dati personali siano stati utilizzati in modo non corretto.

Conservazione e raccolta dei dati

I dati vengono conservati in formato elettronico o cartaceo nei modi più consoni e sicuri per un periodo di:

Dati obbligatori per legge (es. dati per la fatturazione) per un periodo definito dalla durata obbligatoria di legge;
Dati come indirizzi e-mail, nome e cognome, telefono, fax, ecc. fino a quando non ne richiedi la cancellazione o effettui la disiscrizione da eventuali servizi;
Conferimento dei dati o mancato conferimento

Il conferimento dei dati è obbligatorio per quel che riguarda gli obblighi di legge e facoltativo per quel che riguarda l’eventuale uso di specifici servizi. Il rifiuto dei dati obbligatori (come per esempio quelli per la fatturazione) impedisce di svolgere gli adempimenti connessi alla normale gestione del rapporto di lavoro, mentre il rifiuto dei dati necessari per i servizi impedisce l’erogazione degli stessi.

Modifiche alla presente informativa

La presente Informativa potrà subire variazioni e aggiornamenti.

I campi contrassegnati dall'asterisco (*) sono obbligatori