Roma Bella

Visite guidate a Roma e nel Lazio

APPUNTAMENTO: DOMENICA 15 NOVEMBRE 2020 H 16 ALLA FERMATA METRO LINEA A "SUBAUGUSTA". DURATA: 1 H E 30'.  LA GUIDA E' RICONOSCIBILE IN LOCO DAL CARTELLO ROMA BELLA.

PRENOTAZIONE: inviando una mail a inforomabella@virgilio.it, oppure chiamando i n. tel. 0697858194; 0661661527, o compilando il form sottostante. La visita guidata al parco degli Acquedotti di Roma antica con l'associazione culturale Roma Bella è gratis per i Soci. Ingressi liberi.

Visite guidate gratuite a Roma, al parco archeologico degli acquedotti di Roma antica sull'Appia

Il curator aquarum di epoca traianea Sesto Giulio Frontino, nel suo trattato De aquis urbis Romae, ci informa che "nei 441 anni che seguirono la fondazione di Roma, i Romani dovettero adattarsi ad usare le acque prese dal Tevere, dai pozzi e dalle sorgenti", che però verso la fine del IV secolo a.C. non erano più sufficienti a garantire il rifornimento idrico di una città che si avviava a divenire la capitale di un impero vastissimo.

La realizzazione degli acquedotti iniziò nel 312 a.C. con l’Aqua Appia, e nei secoli successivi fu così importante e decisiva per Roma, che lo storico Dionigi di Alicarnasso, meravigliato per tanta capacità tecnica, organizzativa ed anche economica del popolo romano, poteva giustamente scrivere: "Mi sembra che la grandezza dell'impero romano si riveli mirabilmente in tre cose: gli acquedotti, le strade, le fognature.

Dal 312 a.C. (Aqua Appia) fino al 229 d.C. (Aqua Alexandrina) furono costruiti ben 11 acquedotti. Essi garantivano a Roma una disponibilità idrica a persona doppia rispetto a quella moderna, con una rete capillare che raggiungeva le domus patrizie che potevano disporre acqua corrente, le numerose fontane pubbliche, le terme imperiali, le vasche di allevamento dei pesci, le naumachie dove si mettevano in scena le simulazioni di battaglie navali e i laghetti artificiali (come lo “Stagnum Neronis” o l’Euripus) a scopo ornamentale.

L’amministrazione e la manutenzione degli acquedotti furono assegnate, in epoca repubblicana, a imprenditori privati oppure a personaggi pubblici (edili, censori e questori) che avevano però altre mansioni principali e collateralmente si occupavano degli acquedotti. Solo agli inizi dell’Impero, vista l’importanza di tale settore, con Ottaviano Augusto intorno al 27 a.C., fu creato un ufficio ad hoc, poi incrementato e potenziato, che gestiva la rete idrica sia a livello di manutenzione che di distribuzione alle utenze pubbliche e private.

Escursioni e tour con guida gratis al parco degli acquedotti di Roma, con l'associazione culturale Roma Bella

Gli acquedotti romani funzionarono tutti fino al VI secolo d.C. Durante le guerre gotiche, gli Ostrogoti di Vitige posero l’assedio a Roma nel 537, e per lasciare la città senza acqua interruppero tutti gli acquedotti tranne uno, l'Aqua Virgo, che correndo sottosuolo nel tratto extraurbano non poteva essere tagliato; essi provarono a otturarlo facendo cadere terra dagli sfiatatoi e dagli accessi, ma senza riuscire nell’intento.

Dal Medioevo, non esistendo più un’autorità centralizzata che potesse curare l’aspetto dell'approvvigionamento idrico di Roma, e d’altra parte essendo diminuita di molto la popolazione urbana, i cittadini tornarono a prelevare l'acqua dal Tevere, dai pozzi e dalle sorgenti.

Nella visita guidata al Parco degli Acquedotti di Roma tra l'Appia e la Tuscolana, una suggestiva distesa di ruderi immersi nella luce del tramonto, potremo esaminare accuratamente  alcuni dei più importanti acquedotti. In particolare vedremo le condutture sovrapposte dell’Aqua Claudia e dell’Anio Novus, iniziati da Caligola nel 38 d.C. e terminati sotto Claudio nel 52 d.C., entrambi terminanti presso la località ad spem veterem a Porta Maggiore. Poi, l’Aqua Marcia, la Tepula e la Iulia, rispettivamente del 144 a.C., 125 a.C. e 33 a.C., anche questi sovrapposti e in blocchi di tufo, cappellaccio e peperino.

Dopo aver ammirato un tratto del basolato originale della via Latina e aver fatto tappa al Casale di Roma Vecchia (XIII secolo), seguiremo il torrente medievale detto Marrana dell'Acqua Mariana, aperto da Papa Callisto II nel 1122 per rifornire di acqua potabile una parte della città, ormai ridotta al minimo.

Lasciata alle nostre spalle la chiesa di San Policarpo (1964-1967, su progetto dell’arch. G.Nicolosi) concluderemo la passeggiata alla Villa delle Vignacce, una residenza extraurbana (Villa Rustica) con annessa figlina (fabbrica di dolii, tegole e laterizi), con cisterne e terme private, appartenuta ad un importante personaggio del II secolo d.C., Quinto Servilio Pudente, console nel 166 d.C., proconsole d'Africa nel 180 d.C.

LEGGI LE NOSTRE RECENSIONI SU TRIPADVISOR!

Contattaci


Titolare, responsabile e incaricati del trattamento
Il titolare del trattamento di questo sito web è

Associazione Roma Bella
C.F. 90128950566

L’elenco aggiornato dei responsabili e degli incaricati al trattamento può essere richiesto direttamente al titolare.

Finalità del trattamento

I Tuoi dati personali sono trattati per le seguenti finalità:

Gestire e mantenere il sito web;
Adempiere agli obblighi precontrattuali, contrattuali e fiscali derivanti da rapporti in essere;
Adempiere agli obblighi previsti dalla legge, da un regolamento, dalla normativa comunitaria o da un ordine dell’Autorità;
Prevenire o scoprire attività fraudolente o abusi dannosi per il sito web;
Inviarti via mail informazioni su prodotti o servizi;
Raccogliere e processare gli ordini da te effettuati;
Permettere di registrarti al sito web;
Permetterti l’iscrizione al servizio di newsletter fornito dal Titolare e degli ulteriori Servizi eventualmente da Te richiesti;
Inviarti via e-mail newsletter, comunicazioni commerciali e/o materiale pubblicitario su prodotti o servizi offerti dal Titolare
Soft spam

Nel caso fossi già cliente potrai ricevere comunicazioni commerciali tramite e-mail relative a servizi e prodotti analoghi a quelli di cui hai già usufruito. Potrai in qualsiasi momento richiedere la rimozione da questo servizio contattando il Titolare o facendo click nell’apposito pulsante all’interno delle mail.

Categorie di dati personali trattati

Il Titolare per quanto concerne questo sito web tratta dati personali e identificativi tra cui:

Dati di fatturazione: intestazione attività, indirizzo completo, codice fiscale, partita IVA;
Dati di contatto: telefono e e-mail;
Dati di contatto facoltativi: nome, cognome, telefono mobile, numero di fax e posta elettronica certificata;
Destinatari e categorie di destinatari a cui i tuoi dati personali vengono comunicati

Il Titolare comunicherà i tuoi dati ai soggetti ai quali la comunicazione è obbligatoria per legge, come ad esempio soggetti che gestiscono i dati ai fini fiscali o organismi di vigilanza e autorità giudiziarie. I Tuoi dati non saranno diffusi a terzi.

Informiamo inoltre che i dati sono custoditi per nostro conto da soggetti terzi tramite servizi specifici che ci vengono forniti (database, fornitori di hosting, fornitori di servizi web, soggetti che gestiscono i nostri computer o i nostri software).

Modalità del trattamento

Il trattamento dei Tuoi dati personali è realizzato conformemente alla vigente norma. I Tuoi dati personali possono essere sottoposti a trattamento sia cartaceo che elettronico e saranno trattati in modo corretto, trasparente e con la massima tutela per le tue informazioni.

Non viene effettuata profilazione in grado di identificarti univocamente;
Nel sito web è presente lo strumento di statistica Google Analytics che viene utilizzato per conoscere dati dettagliati su quante persone visitano il sito web e quali pagine guardano, ecc. Questo strumento è stato impostato in modo che il tuo indirizzo IP sia anonimizzato. Da queste statistiche quindi non è possibile risalire a una specifica persona.
Diritti degli interessati

In qualità di interessato, hai i diritti di cui all’art. 7 Codice Privacy e art. 15 GDPR e precisamente:

Diritto di accesso. Hai il diritto di ottenere la conferma che sia in corso un trattamento, l’accesso ai dati che ti riguardano e tutte le informazioni sulle finalità, sugli eventuali destinatari a cui vengono comunicati i tuoi dati personali, sull’origine dei dati (nel caso non sia raccolti presso l’interessato), sulla durata del trattamento e sulle eventuali conseguenze di un trattamento basato sulla profilazione;
Diritto di rettifica: Hai il diritto di richiedere la rettifica, l’integrazione o modifica dei dati personali che ti riguardano;
Diritto alla cancellazione: Puoi ottenere la cancellazione dei tuoi dati personali se non sono pertinenti, inadeguati rispetto alle finalità del trattamento, se revochi il consenso oppure se i dati sono trattati in un modo illecito;
Diritto alla limitazione del trattamento: Hai il diritto ad ottenere che il trattamento sui tuoi dati sia limitato, ossia, che i tuoi dati personali siano contrassegnati con l’obiettivo di limitarne l’ulteriore trattamento (eccetto quello strettamente tecnico per la conservazione);
Diritto alla portabilità: Hai il diritto di ottenere i dati in formato elettronico e che questi siano trasferiti a un altro titolare del trattamento (per i dati trattati con mezzi automatizzati e laddove sia tecnicamente possibile);
Per esercitare questi diritti potrai contattare il Titolare del trattamento attraverso la pagina contatti.

Diritto di opposizione

Hai il diritto di opporti in qualsiasi momento per motivi connessi alla tua situazione al trattamento dei dati personali che ti riguardano.

Hai il diritto di proporre reclamo a un'autorità di controllo se ritieni che siano stati violati i tuoi diritti o che i tuoi dati personali siano stati utilizzati in modo non corretto.

Conservazione e raccolta dei dati

I dati vengono conservati in formato elettronico o cartaceo nei modi più consoni e sicuri per un periodo di:

Dati obbligatori per legge (es. dati per la fatturazione) per un periodo definito dalla durata obbligatoria di legge;
Dati come indirizzi e-mail, nome e cognome, telefono, fax, ecc. fino a quando non ne richiedi la cancellazione o effettui la disiscrizione da eventuali servizi;
Conferimento dei dati o mancato conferimento

Il conferimento dei dati è obbligatorio per quel che riguarda gli obblighi di legge e facoltativo per quel che riguarda l’eventuale uso di specifici servizi. Il rifiuto dei dati obbligatori (come per esempio quelli per la fatturazione) impedisce di svolgere gli adempimenti connessi alla normale gestione del rapporto di lavoro, mentre il rifiuto dei dati necessari per i servizi impedisce l’erogazione degli stessi.

Modifiche alla presente informativa

La presente Informativa potrà subire variazioni e aggiornamenti.

I campi contrassegnati dall'asterisco (*) sono obbligatori