Roma Bella

Visite guidate a Roma e nel Lazio

APPUNTAMENTO: SABATO 29 OTTOBRE 2022 H 15,30 ALL'INGRESSO DELLA BASILICA DEI SS. SILVESTRO E MARTINO AI MONTI, IN VIALE DEL MONTE OPPIO N. 28. DURATA: 1 H. LA GUIDA E' RICONOSCIBILE IN LOCO DAL CARTELLO ROMA BELLA.

PRENOTAZIONE: OBBLIGATORIA VIA MAIL A: inforomabella@virgilio.it, o chiamando i n. tel. 0697858194; 0661661527 (attivi tutti i giorni h 8-20), cell. 3669430785 (WhatsApp).

La storia della basilica dei Santi Silvestro e Martino ai Monti copre un arco di tempo che va dall’inizio del VI secolo ai nostri giorni. I dati principali possono essere così schematizzati: verso il 509 Papa Simmaco fa edificare, sopra il titolo di Equizio, la nuova basilica, dedicandola a San Martino. La basilica viene detta poi anche comunemente di San Silvestro. Restaurata già nel 772 da Papa Adriano I, sembra che a quell’epoca avesse 12 arcate ricoperte d’argento, al pari della confessione e del ciborio dell’altare maggiore; di essa sono rimasti alcuni capitelli usati nell’attuale basilica, un certo numero di tegole riutilizzate nel tetto dell’attuale basilica ed ora deposte in un locale del titolo sotterraneo, e forse tre colonne (quella in sacrestia e le due che si trovano ora nel titolo sotterraneo).

Alla metà del IX secolo, demolita la basilica precedente, Papa Sergio II, assurto dal titolo di Equizio al soglio pontificio, fa costruire la basilica attuale. L’opera di decorazione viene completata dal suo successore Leone IV. Il nuovo edificio nella sua struttura fondamentale è giunto fino a noi. All’esterno si presentava in modo semplice: la sommità dell’abside, secondo la moda del tempo, recava modiglioni e mascheroni; la facciata dava su un piccolo atrio. All’interno il tempio era diviso in tre navate da due file di colonne, in tutto 24, di marmo cipollino, pavonazzetto, bigio e imezio, ricavati probabilmente dalle vicine terme di Traiano. Dei 24 capitelli, ben 16 provengono dalla precedente basilica di Papa Simmaco. L’altare maggiore, sormontato da un ciborio sorretto da 4 colonne, era situato più avanti dell’attuale; anche il presbiterio era di dimensioni più vaste dell’attuale e nel suo perimetro vi erano due amboni. Sotto l’altare maggiore vi era la cripta di tipo semi-anulare, più piccola della attuale, con accesso dalle navate laterali; in essa vi era la cella con le reliquie dei martiri e santi traslate dalle catacombe di Priscilla per volere di Sergio II.

L’abside era decorata con uno splendido mosaico. Tracce di affreschi, con oranti e colombe posate su fiori e fili d’erba, della decorazione eseguita sotto il pontificato di papa Leone IV, si possono osservare in alcuni punti tra il soffitto ligneo attuale e le travi del tetto. Nel 1299 Papa Bonifacio VIII concede la basilica, di cui era stato cardinale titolare, ai padri Carmelitani. Nel XVII secolo, il Carmelitano padre Giovanni Antonio Filippini, il grande mecenate della basilica, restaura e trasforma il tempio nella forma che possiamo ammirare oggi. L’opera è grandiosa e viene a costare più di 80.000 scudi. Il Filippini fa ricorso ad una vera squadra di artisti: Filippo Gagliardi detto anche Filippo delle Prospettive o Filippo il Bizzarro, al quale è affidata la direzione del piano di rinnovamento; Fabrizio Chiari detto il Tittarella, Giovanni Angelo Canino, Matteo Piccione, Pietro Testa detto il Lucchesino, Giuseppe Greppi, Galeazzo Leoncino, il Baglioni, Paolo Naldini, Giovanni Battista Barettello. Le soluzioni date dal Gagliardi per l’opera voluta dal Filippini mirano con mezzi prospettici e dimensionali a porre in evidenza l’elemento sacro e a dare rinnovata dignità formale e respiro spaziale alla chiesa.

Scendendo dalla cripta sotto l’altare si può accedere al titulus sotterraneo, accolto all’interno di una ampia aula in laterizi e pavimento a mosaici, con sei vani adibiti in epoca imperiale (II-III secolo d.C.). ad uso commerciale. E’ in questi ambienti che viene impiantato uno dei più antichi ed importanti luoghi di culto titolari di Roma, che conosciamo bene grazie agli elenchi dei presbiteri che ci sono stati trasmessi dal Liber Pontificalis, dal verbale del sinodo di Simmaco del 499 e dal concilio di Gregorio Magno del 595.

La durata complessiva della visita guidata della basilica dei SS. Silvestro e Martino ai Monti e del titolo Equizio sotterraneo è di 1 h 30’ circa. La visita guidata è gratis per i soci di Roma Bella, si fa una offerta per accedere al sotterraneo e per l’illuminazione. La tessera della nostra associazione costa 15 euro, vale 12 mesi, consente di prendere parte ad un numero illimitato di iniziative culturali gratuite.

Contattaci


Titolare, responsabile e incaricati del trattamento
Il titolare del trattamento di questo sito web è

Associazione Roma Bella
C.F. 90128950566

L’elenco aggiornato dei responsabili e degli incaricati al trattamento può essere richiesto direttamente al titolare.

Finalità del trattamento

I Tuoi dati personali sono trattati per le seguenti finalità:

Gestire e mantenere il sito web;
Adempiere agli obblighi precontrattuali, contrattuali e fiscali derivanti da rapporti in essere;
Adempiere agli obblighi previsti dalla legge, da un regolamento, dalla normativa comunitaria o da un ordine dell’Autorità;
Prevenire o scoprire attività fraudolente o abusi dannosi per il sito web;
Inviarti via mail informazioni su prodotti o servizi;
Raccogliere e processare gli ordini da te effettuati;
Permettere di registrarti al sito web;
Permetterti l’iscrizione al servizio di newsletter fornito dal Titolare e degli ulteriori Servizi eventualmente da Te richiesti;
Inviarti via e-mail newsletter, comunicazioni commerciali e/o materiale pubblicitario su prodotti o servizi offerti dal Titolare
Soft spam

Nel caso fossi già cliente potrai ricevere comunicazioni commerciali tramite e-mail relative a servizi e prodotti analoghi a quelli di cui hai già usufruito. Potrai in qualsiasi momento richiedere la rimozione da questo servizio contattando il Titolare o facendo click nell’apposito pulsante all’interno delle mail.

Categorie di dati personali trattati

Il Titolare per quanto concerne questo sito web tratta dati personali e identificativi tra cui:

Dati di fatturazione: intestazione attività, indirizzo completo, codice fiscale, partita IVA;
Dati di contatto: telefono e e-mail;
Dati di contatto facoltativi: nome, cognome, telefono mobile, numero di fax e posta elettronica certificata;
Destinatari e categorie di destinatari a cui i tuoi dati personali vengono comunicati

Il Titolare comunicherà i tuoi dati ai soggetti ai quali la comunicazione è obbligatoria per legge, come ad esempio soggetti che gestiscono i dati ai fini fiscali o organismi di vigilanza e autorità giudiziarie. I Tuoi dati non saranno diffusi a terzi.

Informiamo inoltre che i dati sono custoditi per nostro conto da soggetti terzi tramite servizi specifici che ci vengono forniti (database, fornitori di hosting, fornitori di servizi web, soggetti che gestiscono i nostri computer o i nostri software).

Modalità del trattamento

Il trattamento dei Tuoi dati personali è realizzato conformemente alla vigente norma. I Tuoi dati personali possono essere sottoposti a trattamento sia cartaceo che elettronico e saranno trattati in modo corretto, trasparente e con la massima tutela per le tue informazioni.

Non viene effettuata profilazione in grado di identificarti univocamente;
Nel sito web è presente lo strumento di statistica Google Analytics che viene utilizzato per conoscere dati dettagliati su quante persone visitano il sito web e quali pagine guardano, ecc. Questo strumento è stato impostato in modo che il tuo indirizzo IP sia anonimizzato. Da queste statistiche quindi non è possibile risalire a una specifica persona.
Diritti degli interessati

In qualità di interessato, hai i diritti di cui all’art. 7 Codice Privacy e art. 15 GDPR e precisamente:

Diritto di accesso. Hai il diritto di ottenere la conferma che sia in corso un trattamento, l’accesso ai dati che ti riguardano e tutte le informazioni sulle finalità, sugli eventuali destinatari a cui vengono comunicati i tuoi dati personali, sull’origine dei dati (nel caso non sia raccolti presso l’interessato), sulla durata del trattamento e sulle eventuali conseguenze di un trattamento basato sulla profilazione;
Diritto di rettifica: Hai il diritto di richiedere la rettifica, l’integrazione o modifica dei dati personali che ti riguardano;
Diritto alla cancellazione: Puoi ottenere la cancellazione dei tuoi dati personali se non sono pertinenti, inadeguati rispetto alle finalità del trattamento, se revochi il consenso oppure se i dati sono trattati in un modo illecito;
Diritto alla limitazione del trattamento: Hai il diritto ad ottenere che il trattamento sui tuoi dati sia limitato, ossia, che i tuoi dati personali siano contrassegnati con l’obiettivo di limitarne l’ulteriore trattamento (eccetto quello strettamente tecnico per la conservazione);
Diritto alla portabilità: Hai il diritto di ottenere i dati in formato elettronico e che questi siano trasferiti a un altro titolare del trattamento (per i dati trattati con mezzi automatizzati e laddove sia tecnicamente possibile);
Per esercitare questi diritti potrai contattare il Titolare del trattamento attraverso la pagina contatti.

Diritto di opposizione

Hai il diritto di opporti in qualsiasi momento per motivi connessi alla tua situazione al trattamento dei dati personali che ti riguardano.

Hai il diritto di proporre reclamo a un'autorità di controllo se ritieni che siano stati violati i tuoi diritti o che i tuoi dati personali siano stati utilizzati in modo non corretto.

Conservazione e raccolta dei dati

I dati vengono conservati in formato elettronico o cartaceo nei modi più consoni e sicuri per un periodo di:

Dati obbligatori per legge (es. dati per la fatturazione) per un periodo definito dalla durata obbligatoria di legge;
Dati come indirizzi e-mail, nome e cognome, telefono, fax, ecc. fino a quando non ne richiedi la cancellazione o effettui la disiscrizione da eventuali servizi;
Conferimento dei dati o mancato conferimento

Il conferimento dei dati è obbligatorio per quel che riguarda gli obblighi di legge e facoltativo per quel che riguarda l’eventuale uso di specifici servizi. Il rifiuto dei dati obbligatori (come per esempio quelli per la fatturazione) impedisce di svolgere gli adempimenti connessi alla normale gestione del rapporto di lavoro, mentre il rifiuto dei dati necessari per i servizi impedisce l’erogazione degli stessi.

Modifiche alla presente informativa

La presente Informativa potrà subire variazioni e aggiornamenti.

I campi contrassegnati dall'asterisco (*) sono obbligatori