Roma Bella

Visite guidate a Roma e nel Lazio

APPUNTAMENTO: DOMENICA 18 APRILE 2021 H 16 DAVANTI AL PALAZZO DELLA CIVILTA' ITALIANA. DURATA: 2 H. LA GUIDA E' RICONOSCIBILE IN LOCO DAL CARTELLO ROMA BELLA.

PRENOTAZIONE: OBBLIGATORIA INVIANDO una mail a inforomabella@virgilio.it, oppure chiamando i n. tel. 0697858194; 0661661527 (attivi tutti i giorni h 8-20), cel. 3669430785 (WhatsApp), o compilando il form sotto.

Il quartiere EUR o E42, acronimo di Esposizione Universale di Roma del ’42, è celebre per essere uno dei più incisivi esempi di intervento architettonico e urbanistico del periodo fascista nella Capitale. L’assetto razionale, la monumentalità e la purezza lineare dei suoi edifici marmorei, oltre ad evocare i sogni di grandezza della “Terza Roma”, hanno negli anni suggestionato molteplici registi, da Fellini a Sorrentino, tale da iconizzare l’Eur nella coscienza collettiva per la sua bellezza scenografica.

La storia dell’area, dalla forma pentagonale, inizia nel 1935 quando il governatore di Roma, Giuseppe Bottai, propone a Benito Mussolini di candidare Roma e l’Italia per accogliere l’Esposizione Universale del 1942 e in tal modo glorificare il paese, in particolare il genio della Civiltà Italica, nonché celebrare le conquiste coloniali e il ventesimo anniversario del regime, previsto per il medesimo anno. L’idea risultava essere congeniale con le volontà di Mussolini, da un lato di porsi in continuità con la grandezza dell’antichità e di creare un simbolo della Terza Roma -quella fascista- dopo la Roma degli imperatori e dei papi, dall’altro garantire un’espansione della città verso il mare. Nel 1936 venne costituito l’Ente Autonomo Esposizione Universale di Roma, con a capo il senatore Vittorio Cini, che avrebbe dovuto trasformare questo progetto in realtà grazie ad un gruppo di architetti e urbanisti, tra cui, di meritevole menzione, è la figura di Marcello Piacentini.

Tuttavia allo scoppio della Seconda Guerra Mondiale i cantieri furono arrestati e dopo anni di abbandono, furono ripresi terminando le opere che erano rimaste incompiute. Tra gli anni ‘50 e ‘60 l’area si arricchì di palazzi, uffici e ministeri, divenendo un polo economicamente rilevante e strategico. Non mancò l’attenzione per gli aspetti della vivibilità e dell’intrattenimento con la creazione di importanti aree verdi e il Parco centrale del Lago, il distretto museale e la costruzione del Palazzo dello Sport di Pierluigi Nervi fino al più recente intervento architettonico, non poco dibattuto, del Nuovo Centro Congressi, noto come “La Nuvola”, progettata dall’architetto Massimiliano Fuksas e simbolo del volto contemporaneo dell’Eur.

Il nostro percorso prende avvio dall’edificio-icona dell’intero quartiere, il Palazzo della Civiltà Italiana e del Lavoro, conosciuto come “Colosseo Quadrato” (1938-42 di Guerrini, Lapadula, Romano). Il palazzo, oggi sede del quartier generale della Maison Fendi, si qualifica per la sua solenne semplicità, esaltata dal gioco perfetto di alternanza di luci e ombre, tra i pieni della bianca superficie in travertino e i vuoti della sequenza di arcate a tutto sesto, simbolo del genio costruttivo romano. Le 28 statue all’interno degli archi del pian terreno sono ognuna allegoria delle diverse virtù del popolo italiano, esaltato dalla celebre scritta a caratteri capitali romani sulla sommità: “Un popolo di poeti di artisti / di santi di pensatori di scienziati / di navigatori di trasmigratori”.

Proseguendo lungo il viale della Civiltà del Lavoro, incontreremo prima il cosiddetto Palazzo Uffici (1937-39 di Minnucci). L’edificio, primo del progetto dell’Esposizione Universale ad essere terminato, oggi sede dell’Eur S.p.A, bilancia il linearismo delle sue masse architettoniche con importanti elementi decorativi di finalità propagandistica: il bassorilievo “La storia di Roma attraverso le opere edilizie” all’ingresso principale, le opere scultoree e pittoriche che decoravano gli spazi interni, i simboli fascisti e gli effetti scenografici prodotti dalla fontana a tre bacini dinanzi all’omonimo Salone delle Fontane.

Prendendo via Cristoforo Colombo, antica Via Imperiale e, secondo il progetto, arteria che doveva collegare l’antica Roma con la nuova, attraverseremo Piazza delle Nazioni Unite, un tempo Piazza delle Esedre, per via dei due emicicli che, citando i mercati traianei, avrebbero dovuto costituire delle quinte scenografiche per la Porta Imperiale, mai costruita. Le due ali ospitano i Palazzi dell’Inps e dell’INA (1938-52 di Muzio, Paniconi, Pediconi).

visite guidate Eur Roma

In Piazza Kennedy ammireremo il Palazzo dei Congressi (1938-54 di Libera) con le sue linee coniuganti classicismo e modernismo e celebre per custodire grandi opere decorative di artisti noti del ‘900, come Achille Funi, Gino Severini e Angelo Canevari.

Poi volgeremo verso il Palazzo della Civiltà romana (1939-52 di Aschieri, Bernardini, Pascoletti e Peressutti), un complesso monumentale, emblematico per le sue imponenti masse murarie in peperino scuro che contrastano con il biancore delle colonne di ordine gigante e sede dell’omonimo museo, del Planetario e del Museo Astronomico di Roma.

A fine del viale della Civiltà romana, passando tra i due mosaici monumentali di Depero e Prampolini e un diaframma di colonne si giungerà nel cuore nevralgico del quartiere, Piazza Marconi (1939 di Fariello, Muratori, Quaroni, Moretti) con il suo Obelisco (1937-59 di Dezzi) dedicato all’inventore della radio.

Con uno sguardo a 360 gradi osserveremo i quattro edifici circondanti (il Palazzo di Arte Antica, il Palazzo di Arte Moderna, il Palazzo della Scienza Universale e il Palazzo delle Arti e Tradizioni Popolari) che nel progetto dovevano costituire il polo museale espositivo dell’area, una sorta di maestosa agorà dai forti intenti propagandistici, che fu poi delimitata ad ovest dallo svettante grattacielo Italia (1959-60 di Mattioli).

Riprendendo Viale Colombo, passando dinanzi la facciata principale de “La Nuvola” di Fuksas (2008-16), di cui apprezzeremo l’inventiva strutturale e progettuale, termineremo il percorso lungo l’argine nord del Lago all’interno del Parco (1951-62 di Vico), cui spettava un ruolo di grande importanza nel contesto del progetto originario. La posizione, lungo il percorso chiamato “Passeggiata del Giappone” permetterà di rivolgere un ultimo sguardo agli edifici osservabili in lontananza: il Palazzo dello Sport (1951-62 di Piacentini, Nervi) e il Fungo (1957-59 di Colosimo, Capozza) a sud e il grattacielo dell’Eni a est. (testo a cura di Margherita Sozio).

La visita guidata dell'EUR è gratis per i soci di Roma Bella. La tessera costa 15 euro, si può fare anche sul posto, vale 12 mesi e consente di aderire ad un numero illimitato di iniziative culturali gratuitamente.

Contattaci


Titolare, responsabile e incaricati del trattamento
Il titolare del trattamento di questo sito web è

Associazione Roma Bella
C.F. 90128950566

L’elenco aggiornato dei responsabili e degli incaricati al trattamento può essere richiesto direttamente al titolare.

Finalità del trattamento

I Tuoi dati personali sono trattati per le seguenti finalità:

Gestire e mantenere il sito web;
Adempiere agli obblighi precontrattuali, contrattuali e fiscali derivanti da rapporti in essere;
Adempiere agli obblighi previsti dalla legge, da un regolamento, dalla normativa comunitaria o da un ordine dell’Autorità;
Prevenire o scoprire attività fraudolente o abusi dannosi per il sito web;
Inviarti via mail informazioni su prodotti o servizi;
Raccogliere e processare gli ordini da te effettuati;
Permettere di registrarti al sito web;
Permetterti l’iscrizione al servizio di newsletter fornito dal Titolare e degli ulteriori Servizi eventualmente da Te richiesti;
Inviarti via e-mail newsletter, comunicazioni commerciali e/o materiale pubblicitario su prodotti o servizi offerti dal Titolare
Soft spam

Nel caso fossi già cliente potrai ricevere comunicazioni commerciali tramite e-mail relative a servizi e prodotti analoghi a quelli di cui hai già usufruito. Potrai in qualsiasi momento richiedere la rimozione da questo servizio contattando il Titolare o facendo click nell’apposito pulsante all’interno delle mail.

Categorie di dati personali trattati

Il Titolare per quanto concerne questo sito web tratta dati personali e identificativi tra cui:

Dati di fatturazione: intestazione attività, indirizzo completo, codice fiscale, partita IVA;
Dati di contatto: telefono e e-mail;
Dati di contatto facoltativi: nome, cognome, telefono mobile, numero di fax e posta elettronica certificata;
Destinatari e categorie di destinatari a cui i tuoi dati personali vengono comunicati

Il Titolare comunicherà i tuoi dati ai soggetti ai quali la comunicazione è obbligatoria per legge, come ad esempio soggetti che gestiscono i dati ai fini fiscali o organismi di vigilanza e autorità giudiziarie. I Tuoi dati non saranno diffusi a terzi.

Informiamo inoltre che i dati sono custoditi per nostro conto da soggetti terzi tramite servizi specifici che ci vengono forniti (database, fornitori di hosting, fornitori di servizi web, soggetti che gestiscono i nostri computer o i nostri software).

Modalità del trattamento

Il trattamento dei Tuoi dati personali è realizzato conformemente alla vigente norma. I Tuoi dati personali possono essere sottoposti a trattamento sia cartaceo che elettronico e saranno trattati in modo corretto, trasparente e con la massima tutela per le tue informazioni.

Non viene effettuata profilazione in grado di identificarti univocamente;
Nel sito web è presente lo strumento di statistica Google Analytics che viene utilizzato per conoscere dati dettagliati su quante persone visitano il sito web e quali pagine guardano, ecc. Questo strumento è stato impostato in modo che il tuo indirizzo IP sia anonimizzato. Da queste statistiche quindi non è possibile risalire a una specifica persona.
Diritti degli interessati

In qualità di interessato, hai i diritti di cui all’art. 7 Codice Privacy e art. 15 GDPR e precisamente:

Diritto di accesso. Hai il diritto di ottenere la conferma che sia in corso un trattamento, l’accesso ai dati che ti riguardano e tutte le informazioni sulle finalità, sugli eventuali destinatari a cui vengono comunicati i tuoi dati personali, sull’origine dei dati (nel caso non sia raccolti presso l’interessato), sulla durata del trattamento e sulle eventuali conseguenze di un trattamento basato sulla profilazione;
Diritto di rettifica: Hai il diritto di richiedere la rettifica, l’integrazione o modifica dei dati personali che ti riguardano;
Diritto alla cancellazione: Puoi ottenere la cancellazione dei tuoi dati personali se non sono pertinenti, inadeguati rispetto alle finalità del trattamento, se revochi il consenso oppure se i dati sono trattati in un modo illecito;
Diritto alla limitazione del trattamento: Hai il diritto ad ottenere che il trattamento sui tuoi dati sia limitato, ossia, che i tuoi dati personali siano contrassegnati con l’obiettivo di limitarne l’ulteriore trattamento (eccetto quello strettamente tecnico per la conservazione);
Diritto alla portabilità: Hai il diritto di ottenere i dati in formato elettronico e che questi siano trasferiti a un altro titolare del trattamento (per i dati trattati con mezzi automatizzati e laddove sia tecnicamente possibile);
Per esercitare questi diritti potrai contattare il Titolare del trattamento attraverso la pagina contatti.

Diritto di opposizione

Hai il diritto di opporti in qualsiasi momento per motivi connessi alla tua situazione al trattamento dei dati personali che ti riguardano.

Hai il diritto di proporre reclamo a un'autorità di controllo se ritieni che siano stati violati i tuoi diritti o che i tuoi dati personali siano stati utilizzati in modo non corretto.

Conservazione e raccolta dei dati

I dati vengono conservati in formato elettronico o cartaceo nei modi più consoni e sicuri per un periodo di:

Dati obbligatori per legge (es. dati per la fatturazione) per un periodo definito dalla durata obbligatoria di legge;
Dati come indirizzi e-mail, nome e cognome, telefono, fax, ecc. fino a quando non ne richiedi la cancellazione o effettui la disiscrizione da eventuali servizi;
Conferimento dei dati o mancato conferimento

Il conferimento dei dati è obbligatorio per quel che riguarda gli obblighi di legge e facoltativo per quel che riguarda l’eventuale uso di specifici servizi. Il rifiuto dei dati obbligatori (come per esempio quelli per la fatturazione) impedisce di svolgere gli adempimenti connessi alla normale gestione del rapporto di lavoro, mentre il rifiuto dei dati necessari per i servizi impedisce l’erogazione degli stessi.

Modifiche alla presente informativa

La presente Informativa potrà subire variazioni e aggiornamenti.

I campi contrassegnati dall'asterisco (*) sono obbligatori