Roma Bella

Visite guidate a Roma e nel Lazio

APPUNTAMENTO: DOMENICA 8 NOVEMBRE 2020 H 9 DAVANTI ALLA BIGLIETTERIA DEL PALATINO IN VIA DI SAN GREGORIO N. 30.

DURATA COMPLESSIVA: 2 H. LA GUIDA E' RICONOSCIBILE DAL CARTELLO ROMA BELLA. PRENOTAZIONE: OBBLIGATORIA VIA MAIL A: inforomabella@virgilio.it, o chiamando i n. tel. 0697858194; 0661661527, o compilando il form sottostante. Visita guidata gratuita. Eventuali biglietti di ingresso sono a carico dei Soci partecipanti.

Il colle Palatino tra i sette colli di Roma è storicamente il più importante, in quanto è sede della fondazione della città romulea, avvenuta, secondo la cronologia accolta dalla maggior parte degli studiosi, nel 753 a.C., in piena Età del Ferro nell’ambito della Protostoria Laziale.

Come è noto, la tradizione mitologica, letteraria, poetica e storiografica coinvolge nel rituale di fondazione Romolo e Remo, i due gemelli di origine divina nati da Marte e da Rea Silvia.

Dopo essere stati salvati dalla Lupa e divenuti adulti, essi furono inviati dal Re di Albalonga Numitore a fondare una nuova città nel luogo dove erano stati tratti dalle acque del Tevere. Poiché erano gemelli, nessuno dei due poteva far valere sull’altro maggiore autorità, quindi, essendo in disaccordo sul colle da scegliere per la fondazione (Romolo preferiva il Palatino, Remo l’Aventino), decisero di affidarsi al volere degli dei effettuando un auspicio, ovvero l’osservazione del volo degli uccelli (da lat. avis = uccello e spectio = osservazione).

Visita guidata gratuita con archeologo a Roma sul Colle Palatino, dove illustreremo in dettaglio le origini di Roma

Ponendosi sulle cime dei due colli, divisero idealmente il cielo in due metà, separate dall’”asse della spectio”, in direzione nord-sud. In questo modo, la volta celeste si configurava come uno spazio “inaugurato” cioè diviso e consacrato, ovvero un templum. In questo modo, tutti i messaggi divini provenienti dalla parte sinistra (fas = propizia, favorevole) erano considerati positivi, mentre tutti i segni provenienti dalla parte destra (nefas = contraria, nefasta) erano di cattivo presagio. Remo per primo vide giungere dalla parte fas sei avvoltoi, e si ritenne il prescelto dagli dei per fondare la città. Ma poco dopo, Romolo, dal punto del Palatino oggi noto come Auguraculum, presso il tempio della Magna Mater, scorse dodici avvoltoi. Rivendicando il primo la priorità dell’evento, il secondo il numero doppio degli uccelli, i due fratelli erano di nuovo in contesa e, secondo una delle numerose tradizioni (con leggere varianti) nello scontro che ne seguì Romolo avrebbe ucciso Remo in un gesto di impeto. Secondo la tradizione liviana, invece, Remo fu ucciso dopo avere attraversato in armi il solco tracciato dal fratello intorno al Palatino, andando contro le sue disposizioni e violando lo spazio urbano consacrato del pomerium.

Oggi, a seguito degli scavi archeologici effettuati sul versante nord del colle verso il Foro Romano dal Prof. Carandini dell’Università degli Studi di Roma “La Sapienza”, sono emersi numerosi elementi che confermerebbero le tradizioni relative al solco primigenio, alla posizione delle più antiche porte (la Mugonia, la Romanula e la porta senza nome presso le Scale di Caco) e alla struttura delle primitive mura difensive dell’VIII secolo, precedute da un fossato (vallum) e seguite da un terrapieno (agger) e da un muretto di controscarpa in blocchi di cappellaccio (sub aggere). In indagini anteriori erano stati invece rinvenuti resti di fondazioni di capanne dell’VIII secolo e della prima metà del VII secolo a.C., sul versante sud-occidentale chiamato Germalus, tra cui la capanna abitata da Romolo prima del suo trasferimento a valle, nell’area della futura Regia.

Nel corso dell’età repubblicana il colle Palatino, proprio per la sua importanza storica in quanto sede della primitiva Roma Quadrata (il villaggio delimitato dal solco dell’aratro tracciato da Romolo) divenne sede abitativa di importanti personaggi dell’aristocrazia che qui avevano le loro sfarzose ville, come Lutazio Catulo, Silla, Marco Antonio, Cicerone. L’imperatore Augusto nel 36 a.C. vi comprò una serie di lotti di terreno per erigervi la sua dimora, non distante dalla (presunta) Capanna di Romolo (di cui si conservava continua memoria restaurandola ogni anno) e dalla Grotta del Lupercale, dove i gemelli divini furono allattati dalla Lupa. Da quel momento tutti gli imperatori successivi decisero di risiedere stabilmente sul colle, da Tiberio, a Nerone, ai Flavi, agli Antonini, fino all’epoca dei Severi ed oltre, tanto che addirittura dopo la caduta dell’Impero Romano d’Occidente nel 476 d.C., il palazzo imperiale era ancora in funzione e vi risiedette Teodorico agli inizi del VI secolo.

Nel corso della nostra passeggiata sul Palatino, accompagnati da un esperto archeologo, effettueremo una vera e propria lezione itinerante, al termine della quale conosceremo molto meglio i segreti del colle: dalla Domus Augustana alla Domus Tiberiana, dal Germalus alla Casa di Livia, dallo Stadio alle terrazze severiane, dalla Coenatio Rotunda di Nerone al Tempio di Elagabalo, visiteremo tutti gli ambienti un tempo appartenuti al grande palazzo imperiale dove si decisero i destini della più grande potenza politico-militare del mondo antico.

LEGGI LE NOSTRE RECENSIONI SU TRIPADVISOR!

Contattaci


Titolare, responsabile e incaricati del trattamento
Il titolare del trattamento di questo sito web è

Associazione Roma Bella
C.F. 90128950566

L’elenco aggiornato dei responsabili e degli incaricati al trattamento può essere richiesto direttamente al titolare.

Finalità del trattamento

I Tuoi dati personali sono trattati per le seguenti finalità:

Gestire e mantenere il sito web;
Adempiere agli obblighi precontrattuali, contrattuali e fiscali derivanti da rapporti in essere;
Adempiere agli obblighi previsti dalla legge, da un regolamento, dalla normativa comunitaria o da un ordine dell’Autorità;
Prevenire o scoprire attività fraudolente o abusi dannosi per il sito web;
Inviarti via mail informazioni su prodotti o servizi;
Raccogliere e processare gli ordini da te effettuati;
Permettere di registrarti al sito web;
Permetterti l’iscrizione al servizio di newsletter fornito dal Titolare e degli ulteriori Servizi eventualmente da Te richiesti;
Inviarti via e-mail newsletter, comunicazioni commerciali e/o materiale pubblicitario su prodotti o servizi offerti dal Titolare
Soft spam

Nel caso fossi già cliente potrai ricevere comunicazioni commerciali tramite e-mail relative a servizi e prodotti analoghi a quelli di cui hai già usufruito. Potrai in qualsiasi momento richiedere la rimozione da questo servizio contattando il Titolare o facendo click nell’apposito pulsante all’interno delle mail.

Categorie di dati personali trattati

Il Titolare per quanto concerne questo sito web tratta dati personali e identificativi tra cui:

Dati di fatturazione: intestazione attività, indirizzo completo, codice fiscale, partita IVA;
Dati di contatto: telefono e e-mail;
Dati di contatto facoltativi: nome, cognome, telefono mobile, numero di fax e posta elettronica certificata;
Destinatari e categorie di destinatari a cui i tuoi dati personali vengono comunicati

Il Titolare comunicherà i tuoi dati ai soggetti ai quali la comunicazione è obbligatoria per legge, come ad esempio soggetti che gestiscono i dati ai fini fiscali o organismi di vigilanza e autorità giudiziarie. I Tuoi dati non saranno diffusi a terzi.

Informiamo inoltre che i dati sono custoditi per nostro conto da soggetti terzi tramite servizi specifici che ci vengono forniti (database, fornitori di hosting, fornitori di servizi web, soggetti che gestiscono i nostri computer o i nostri software).

Modalità del trattamento

Il trattamento dei Tuoi dati personali è realizzato conformemente alla vigente norma. I Tuoi dati personali possono essere sottoposti a trattamento sia cartaceo che elettronico e saranno trattati in modo corretto, trasparente e con la massima tutela per le tue informazioni.

Non viene effettuata profilazione in grado di identificarti univocamente;
Nel sito web è presente lo strumento di statistica Google Analytics che viene utilizzato per conoscere dati dettagliati su quante persone visitano il sito web e quali pagine guardano, ecc. Questo strumento è stato impostato in modo che il tuo indirizzo IP sia anonimizzato. Da queste statistiche quindi non è possibile risalire a una specifica persona.
Diritti degli interessati

In qualità di interessato, hai i diritti di cui all’art. 7 Codice Privacy e art. 15 GDPR e precisamente:

Diritto di accesso. Hai il diritto di ottenere la conferma che sia in corso un trattamento, l’accesso ai dati che ti riguardano e tutte le informazioni sulle finalità, sugli eventuali destinatari a cui vengono comunicati i tuoi dati personali, sull’origine dei dati (nel caso non sia raccolti presso l’interessato), sulla durata del trattamento e sulle eventuali conseguenze di un trattamento basato sulla profilazione;
Diritto di rettifica: Hai il diritto di richiedere la rettifica, l’integrazione o modifica dei dati personali che ti riguardano;
Diritto alla cancellazione: Puoi ottenere la cancellazione dei tuoi dati personali se non sono pertinenti, inadeguati rispetto alle finalità del trattamento, se revochi il consenso oppure se i dati sono trattati in un modo illecito;
Diritto alla limitazione del trattamento: Hai il diritto ad ottenere che il trattamento sui tuoi dati sia limitato, ossia, che i tuoi dati personali siano contrassegnati con l’obiettivo di limitarne l’ulteriore trattamento (eccetto quello strettamente tecnico per la conservazione);
Diritto alla portabilità: Hai il diritto di ottenere i dati in formato elettronico e che questi siano trasferiti a un altro titolare del trattamento (per i dati trattati con mezzi automatizzati e laddove sia tecnicamente possibile);
Per esercitare questi diritti potrai contattare il Titolare del trattamento attraverso la pagina contatti.

Diritto di opposizione

Hai il diritto di opporti in qualsiasi momento per motivi connessi alla tua situazione al trattamento dei dati personali che ti riguardano.

Hai il diritto di proporre reclamo a un'autorità di controllo se ritieni che siano stati violati i tuoi diritti o che i tuoi dati personali siano stati utilizzati in modo non corretto.

Conservazione e raccolta dei dati

I dati vengono conservati in formato elettronico o cartaceo nei modi più consoni e sicuri per un periodo di:

Dati obbligatori per legge (es. dati per la fatturazione) per un periodo definito dalla durata obbligatoria di legge;
Dati come indirizzi e-mail, nome e cognome, telefono, fax, ecc. fino a quando non ne richiedi la cancellazione o effettui la disiscrizione da eventuali servizi;
Conferimento dei dati o mancato conferimento

Il conferimento dei dati è obbligatorio per quel che riguarda gli obblighi di legge e facoltativo per quel che riguarda l’eventuale uso di specifici servizi. Il rifiuto dei dati obbligatori (come per esempio quelli per la fatturazione) impedisce di svolgere gli adempimenti connessi alla normale gestione del rapporto di lavoro, mentre il rifiuto dei dati necessari per i servizi impedisce l’erogazione degli stessi.

Modifiche alla presente informativa

La presente Informativa potrà subire variazioni e aggiornamenti.

I campi contrassegnati dall'asterisco (*) sono obbligatori