Roma Bella

Visite guidate a Roma e nel Lazio

APPUNTAMENTO: SABATO 14 NOVEMBRE 2020 H 18 A PIAZZA BOCCA DELLA VERITA' PRESSO LA FONTANA AL CENTRO DELLA PIAZZA. DURATA: 1 H E 30'. LA GUIDA E' RICONOSCIBILE IN LOCO DAL CARTELLO ROMA BELLA.

PRENOTAZIONE: OBBLIGATORIA VIA MAIL A: inforomabella@virgilio.it, o chiamando i n. tel. 0697858194; 0661661527, o compilando il form sottostante. Visita gratuita.

Questa passeggiata per veri intenditori, in un’area della città accantonata dai percorsi turistici di massa, ci permetterà di approfondire la conoscenza del foro boario e del foro olitorio, lungo la fascia a sinistra del fiume Tevere e immediatamente a valle dell’Isola Tiberina.

La zona del foro boario, l’antichissimo mercato dei buoi gestito dai Negotiantes Boarii, fu di estrema importanza per la nascita e lo sviluppo esponenziale di Roma dall’VIII secolo in poi. Possiamo anzi affermare con la massima fiducia che questa area ai margini del Tevere e alle pendici del colle Palatino, grazie anche alla presenza del guado a valle dell'isola tiberina, sia da ritenere la ragione stessa della nascita di Roma. E’ qui infatti che la tradizione mitistorica, recentemente sostenuta dai dati archeologici, colloca la frequentazione di popolazioni greche ed orientali, guidate da eroi e semidei come Enea, Evandro, Eracle, molto tempo prima della fondazione della città avvenuta nel 753 a.C.

In particolare, una delle dodici fatiche di Ercole, quella della lotta contro il mostro Caco per il possesso delle vacche di Gerione, ambientata proprio qui, lungo le rive del Tevere, è specchio leggendario di una situazione storica di contatto (e anche ostilità, almeno nelle prime fasi) tra i più antichi mercanti micenei, che nel XIII – XII secolo a.C. risalivano il fiume attratti da nuove opportunità commerciali (simboleggiati da Eracle, l'eroe greco per antonomasia protettore dei commerci), e le comunità indigene culturalmente arretrate, che certamente traevano profitto da questi nuovi contatti ma conservavano comunque una certa diffidenza nei confronti degli stranieri (ostilità ben rappresentata dal mostro indigeno Caco, che viveva in una grotta alle pendici del Palatino, sconfitto ed ucciso da Eracle).

Il culto di Ercole all’Ara Maxima Herculis, ritrovata sotto la basilica di Santa Maria in Cosmedin, fu il primo culto straniero di natura privata introdotto a Roma, collegato allo stanziamento commerciale greco nel foro boario, e reso pubblico nel 312 a.C. dal censore Appio Claudio Cieco. Il fondatore Romolo, conscio dell'importanza di questo altare sacro ad Eracle per la città che stava per sorgere, lo aveva incluso all’interno del perimetro urbano tracciato con l’aratro.

Nell’area commerciale del foro boario dove i mercanti greci avevano la loro base, Ercole ricevette nel corso del tempo anche altri santuari. A lui, nella veste di protettore dei mercanti di olio, è consacrato il Tempio Rotondo risalente al II secolo a.C.; a lui erano dedicati anche i due (perduti) santuari noti solo dalle fonti letterarie come Aedes Aemiliana Herculis ed Aedes Pompeiana Herculis.

L’itinerario che inizia proprio da Piazza Bocca della Verità è dunque un’avventura a ritroso nel passato, e alla ricerca delle origini di Roma.

Dalla Basilica di Santa Maria in Cosmedin, di rito ortodosso, sorta come diaconia nel VI secolo d.C. proprio sopra l’ara maxima Herculis, passeremo al tempio rotondo di Hercules Olivarius e poi a quello di Portunus, divinità minore che proteggeva il Portus Tiberinus, costruito nel VI secolo a.C. da Servio Tullio. Alla basilica di San Giorgio al Velabro ammireremo l'arco degli Argentarii, finanziato dai commercianti del foro boario (negotiantes boarii) e il cosiddetto "arco di Giano quadrifronte", eretto dall’imperatore Costantino nel IV secolo d.C.

Faremo tappa presso l'area sacra di Sant'Omobono dove sono stati identificati durante gli scavi degli anni Trenta i templi arcaici di Fortuna e Mater Matuta, costruiti anche questi da Servio Tullio, e dove ancora una volta Ercole, l’eroe portatore della civiltà greca in occidente, è protagonista nei bassorilievi in terracotta che ornavano il fastigio.

Alla vicina basilica di San Nicola in Carcere parleremo dei tre templi di epoca repubblicana che sorgevano nel foro olitorio, la piazza adibita al mercato dei legumi e delle verdure, molto più piccola del foro boario (dove il bestiame pascolava brado) e pavimentata tutta in tufo e travertino.

Concluderemo la passeggiata al Teatro di Marcello, eretto nel 17 a.C., davanti al quale erano i Templi di Apollo Sosiano (433 a.C., con rifacimenti del I secolo a.C.) e di Bellona (296 a.C., costruito a seguito della vittoria dei Romani contro la lega etrusco-italica nella battaglia di Sentinum). Era qui che il sacerdote di Giove Feretrio, nel corso di un complesso rituale, la indictio belli, formalizzava davanti agli dèi la dichiarazione di guerra contro i nemici di Roma.

Contattaci


Titolare, responsabile e incaricati del trattamento
Il titolare del trattamento di questo sito web è

Associazione Roma Bella
C.F. 90128950566

L’elenco aggiornato dei responsabili e degli incaricati al trattamento può essere richiesto direttamente al titolare.

Finalità del trattamento

I Tuoi dati personali sono trattati per le seguenti finalità:

Gestire e mantenere il sito web;
Adempiere agli obblighi precontrattuali, contrattuali e fiscali derivanti da rapporti in essere;
Adempiere agli obblighi previsti dalla legge, da un regolamento, dalla normativa comunitaria o da un ordine dell’Autorità;
Prevenire o scoprire attività fraudolente o abusi dannosi per il sito web;
Inviarti via mail informazioni su prodotti o servizi;
Raccogliere e processare gli ordini da te effettuati;
Permettere di registrarti al sito web;
Permetterti l’iscrizione al servizio di newsletter fornito dal Titolare e degli ulteriori Servizi eventualmente da Te richiesti;
Inviarti via e-mail newsletter, comunicazioni commerciali e/o materiale pubblicitario su prodotti o servizi offerti dal Titolare
Soft spam

Nel caso fossi già cliente potrai ricevere comunicazioni commerciali tramite e-mail relative a servizi e prodotti analoghi a quelli di cui hai già usufruito. Potrai in qualsiasi momento richiedere la rimozione da questo servizio contattando il Titolare o facendo click nell’apposito pulsante all’interno delle mail.

Categorie di dati personali trattati

Il Titolare per quanto concerne questo sito web tratta dati personali e identificativi tra cui:

Dati di fatturazione: intestazione attività, indirizzo completo, codice fiscale, partita IVA;
Dati di contatto: telefono e e-mail;
Dati di contatto facoltativi: nome, cognome, telefono mobile, numero di fax e posta elettronica certificata;
Destinatari e categorie di destinatari a cui i tuoi dati personali vengono comunicati

Il Titolare comunicherà i tuoi dati ai soggetti ai quali la comunicazione è obbligatoria per legge, come ad esempio soggetti che gestiscono i dati ai fini fiscali o organismi di vigilanza e autorità giudiziarie. I Tuoi dati non saranno diffusi a terzi.

Informiamo inoltre che i dati sono custoditi per nostro conto da soggetti terzi tramite servizi specifici che ci vengono forniti (database, fornitori di hosting, fornitori di servizi web, soggetti che gestiscono i nostri computer o i nostri software).

Modalità del trattamento

Il trattamento dei Tuoi dati personali è realizzato conformemente alla vigente norma. I Tuoi dati personali possono essere sottoposti a trattamento sia cartaceo che elettronico e saranno trattati in modo corretto, trasparente e con la massima tutela per le tue informazioni.

Non viene effettuata profilazione in grado di identificarti univocamente;
Nel sito web è presente lo strumento di statistica Google Analytics che viene utilizzato per conoscere dati dettagliati su quante persone visitano il sito web e quali pagine guardano, ecc. Questo strumento è stato impostato in modo che il tuo indirizzo IP sia anonimizzato. Da queste statistiche quindi non è possibile risalire a una specifica persona.
Diritti degli interessati

In qualità di interessato, hai i diritti di cui all’art. 7 Codice Privacy e art. 15 GDPR e precisamente:

Diritto di accesso. Hai il diritto di ottenere la conferma che sia in corso un trattamento, l’accesso ai dati che ti riguardano e tutte le informazioni sulle finalità, sugli eventuali destinatari a cui vengono comunicati i tuoi dati personali, sull’origine dei dati (nel caso non sia raccolti presso l’interessato), sulla durata del trattamento e sulle eventuali conseguenze di un trattamento basato sulla profilazione;
Diritto di rettifica: Hai il diritto di richiedere la rettifica, l’integrazione o modifica dei dati personali che ti riguardano;
Diritto alla cancellazione: Puoi ottenere la cancellazione dei tuoi dati personali se non sono pertinenti, inadeguati rispetto alle finalità del trattamento, se revochi il consenso oppure se i dati sono trattati in un modo illecito;
Diritto alla limitazione del trattamento: Hai il diritto ad ottenere che il trattamento sui tuoi dati sia limitato, ossia, che i tuoi dati personali siano contrassegnati con l’obiettivo di limitarne l’ulteriore trattamento (eccetto quello strettamente tecnico per la conservazione);
Diritto alla portabilità: Hai il diritto di ottenere i dati in formato elettronico e che questi siano trasferiti a un altro titolare del trattamento (per i dati trattati con mezzi automatizzati e laddove sia tecnicamente possibile);
Per esercitare questi diritti potrai contattare il Titolare del trattamento attraverso la pagina contatti.

Diritto di opposizione

Hai il diritto di opporti in qualsiasi momento per motivi connessi alla tua situazione al trattamento dei dati personali che ti riguardano.

Hai il diritto di proporre reclamo a un'autorità di controllo se ritieni che siano stati violati i tuoi diritti o che i tuoi dati personali siano stati utilizzati in modo non corretto.

Conservazione e raccolta dei dati

I dati vengono conservati in formato elettronico o cartaceo nei modi più consoni e sicuri per un periodo di:

Dati obbligatori per legge (es. dati per la fatturazione) per un periodo definito dalla durata obbligatoria di legge;
Dati come indirizzi e-mail, nome e cognome, telefono, fax, ecc. fino a quando non ne richiedi la cancellazione o effettui la disiscrizione da eventuali servizi;
Conferimento dei dati o mancato conferimento

Il conferimento dei dati è obbligatorio per quel che riguarda gli obblighi di legge e facoltativo per quel che riguarda l’eventuale uso di specifici servizi. Il rifiuto dei dati obbligatori (come per esempio quelli per la fatturazione) impedisce di svolgere gli adempimenti connessi alla normale gestione del rapporto di lavoro, mentre il rifiuto dei dati necessari per i servizi impedisce l’erogazione degli stessi.

Modifiche alla presente informativa

La presente Informativa potrà subire variazioni e aggiornamenti.

I campi contrassegnati dall'asterisco (*) sono obbligatori